Fabio Ricci

Fabio Ricci

ASCOLI PICENO – E’ giunto al giro di boa il progetto “Esperienze di ascolto positivo per la terza età” organizzato dall’associazione di promozione sociale Centro Iniziative Giovani, affiliata all’U.S. Acli Marche, e cofinanziato dalla Regione Marche, dalla Fondazione Carisap e da Coop Adriatica.

Il progetto rientra nelle iniziative promosse dalla Regione Marche a favore della longevità attiva degli anziani e della solidarietà tra le generazioni e prevede l’utilizzo della musica come strumento per portare benefici, di ogni genere, a favore della terza età.

Nei giorni scorsi, il famoso cantante ed attore romagnolo Fabio Ricci, accompagnato dalla sua Live Band, si è esibito ad Ascoli Piceno in occasione della festa della parrocchia del Cuore Immacolato di Maria.

Si è trattato di un recital musicale che partendo dai brani di Renato Zero  è arrivato alla canzone leggera italiana,  passando anche per l’ intrattenimento,  proprio per questo il titolo della serata è stato “Nonsolozero”.

Riguardo a Renato Zero il folto pubblico ha potuto ascoltare “Più su”, “Amico”, “Spiagge”, “Il carrozzone”, “Triangolo”, “Mi vendo”, “Il cielo”, “I migliori anni”.

Particolarmente apprezzate sono state anche le canzoni che erano state chieste dai partecipanti all’iniziativa ossia, tra le altre, alcune canzoni di Luigi Tenco ossia “Ciao amore ciao”, “Vedrai”, “Lontano lontano”, di Bindi “Il mio mondo”, “Il nostro concerto”, “La musica  finita”, di Massimo Ranieri “Perdere l’amore” e di Domenico Modugno “Nel blu dipinto di blu”.

Nel corso dell’anno 2013 l’associazione Centro Iniziative Giovani realizzerà un’altra serata musicale i cui contenuti verranno proposti proprio dalle persone coinvolte nel progetto. Il secondo appuntamento con il progetto “Esperienze di ascolto positivo per la terza età” è infatti in programma per il 12 luglio ad Acquaviva Picena, all’interno delle manifestazioni estive organizzate dall’amministrazione comunale di Acquaviva Picena. Lo spettacolo si svolgerà in piazza del Forte, proprio nei pressi della splendida fortezza che sarà visitabile a tutti i partecipanti all’iniziativa.

Per informazioni sul progetto ci si può rivolgere al numero 0736982746 oppure inviare una mail al seguente indirizzo di posta elettronica cig@iol.it.

“L’attribuzione di un potere “magico” alla musica e la funzione terapeutica dei suoni – dice il presidente dell’associazione promotrice Sandro Tortella – sono elementi costanti dell’esperienza umana. L’uso dell’ascolto musicale con anziani, come rapporto terapeutico, rassicura, rasserena, risveglia abitudini, attiva l’esperienza di emozioni, facilita l’attenzione, la coordinazione dei movimenti e l’uso della parola. L’ascolto terapeutico amplifica potenzialità che troviamo non solo conservate ma sviluppate in virtù di quella universale “arte di vivere” che affronta il cammino nonostante la perdita di riferimento. La musica è considerata come un potente strumento per gli anziani ed è utilizzata per portare a ricordare eventi passati e le sensazioni e le emozioni associate a tali memorie. Se è usata per evocare ricordi positivi, si ritiene in grado di creare un’atmosfera di relax e piacere. Nonostante un certo deterioramento delle capacità cognitive e funzionali, l’anziano è in grado di ricordare parole di canzoni che sono state la colonna sonora di momenti importanti della propria vita. Anche chi non ha ricevuto un’educazione musicale specifica ha acquisito nel corso della propria esistenza una competenza dovuta all’esperienza in campo sonoro/musicale”.

Annunci